Blog

Il corpo grida ciò che la bocca tace: ascoltalo

Il corpo grida ciò che la bocca tace: ascoltalo

Ascoltare il proprio corpo

Il corpo si esprime quotidianamente, in ogni istante ma spesso siamo distratti e poco abituati ad ascoltarlo. È un dono davvero prezioso ed imparare a sentire i suoi messaggi può migliorare la nostra vita.

Cosa vuol dire ascoltare il corpo? Significa riuscire a cogliere i messaggi di piacererilassamento, dolore o fastidio. Sia che ci si trovi in un  momento di relax, durante un’attività fisica oppure in un momento di lavoro. Il suo linguaggio è molto vario: piccole tensioni, dolori, sensazioni di stiramento, piacevole solletico o leggerezza, scricchiolii a volte di piacere a volte di dolore.

Un semplice esercizio

Per imparare ad ascoltarlo suggerisco l’inventario mattuttino: appena svegli portate l’attenzione ai piedi e pian piano salite fino alla testa cercando di sentire come state e se c’è qualche parte di voi che ha bisogno di attenzione e di cura. È un piccolo esercizio che dura qualche minuto ma che può solo portare beneficio alla vostra giornata e può aiutarvi ad entrare in contatto con voi stessi.

Alla ricerca di equilibrio

Siamo abituati a far adattare il corpo, oltre che adattarci noi,  a tante situazioni: sedie scomode, viaggi in treno o in autobus con poco ossigeno ed accalcati a tante altre persone, lunghi viaggi in auto. Spesso indossiamo vestiti o scarpe strette magari con il tacco alto, altrettanto spesso dobbiamo mangiare ad orari prestabiliti non avendo la possibilità di assecondare il nostro reale senso di appetito.

Il corpo, insieme a noi, cerca di riportarsi ad uno stato di equilibrio ed adattamentoma prima e più di noi ci avvisa, attraverso piccoli messaggi o tuonanti campanelli d’allarme, che c’è qualcosa di migliorabile che richiede la nostra attenzione.

Il corpo e le emozioni

L’altro grande ed importante dono che il corpo ci fa è quello di far uscire le emozioni represse e bloccate dentro di noi che rischiano di creare dei veri e propri danni alla nostra salute.

Uso, a questo proposito, la citazione dello scrittore Alejandro Jodorowsky che è riuscito a spiegare questo concetto così bene:

Il corpo grida quello che la bocca tace

La malattia è un conflitto tra la personalità e l’anima. Molte volte…

  • Il raffreddore “cola” quando il corpo non piange
  • Il dolore di gola “tampona” quando non è possibile comunicare le afflizioni.
  • Lo stomaco “arde” quando le rabbie non riescono ad uscire.
  • Il diabete “invade” quando la solitudine duole.
  • Il corpo “ingrassa” quando l’insoddisfazione stringe.
  • Il mal di testa “deprime” quando i dubbi aumentano.
  • Il cuore “allenta” quando il senso della vita sembra finire.
  • Il petto “stringe” quando l’orgoglio schiavizza.
  • La pressione “sale” quando la paura imprigiona.
  • La nevrosi “paralizza” quando il bambino interno tiranneggia.
  • La febbre “scalda” quando le difese sfruttano le frontiere dell’immunità.
  • Le ginocchia “dolgono” quando il tuo orgoglio non si piega.
  • Il cancro “ammazza” quando ti stanchi di vivere.

La malattia non è cattiva, ti avvisa che stai sbagliando cammino.

Il consiglio

Fai amicizia con il tuo corpo ed impara ad ascoltare i suoi preziosi consigli ti condurrà a liberarti da inutili costrizioni e dolori per condurti ad una vita piacevole e gioiosa!